Page images
PDF
[merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][ocr errors][merged small][merged small][merged small][merged small]

Utinam, qui hoc tempore jus nostrum interpretantur Papinianum imitati quae vel falso vel inepte aliquando et senserint et scripserint, ingenue relractent, nec eis contra quam postea resciverint, tam obstinato tamque obfirmato animo, uti faciunt, perseverent.

Covacius, in Observat. II, 37.

Società Tipografica sulle Logge del Grano

PREFAZIONE DEL TRADUTTORE

Farné

Hi Manuale di Diritto Romano, di cui noi diamo per la prima volta la traduzione, apparve nel 1814, col titolo di Manuale delle Istitute di Diritto Romano moderno. L'immenso successo ottenuto da quest'opera , apparsa appena che fu nel mondo scientifico non mai cessò d'aumentare; e nel giro di pochi anni addivende un libro, a dir così, Europeo. Dieci edizioni successivamente fatte di pubblico dritto nel 1814, 1818, 1820, 1822, 1823, 1825, 1827, 1829, 1831 e 1833, e numerose ciascuna di più migliaja d'esemplari, vennero sparse per tutta intera l'Alemagna.

Ma la generale adozione di quest'opera non fu solo esclusiva del luogo del suo pascimento, per lo contrario più volte veniva, in parte, voltata nelle lingue straniere.

Nel 1825, l' Introduzione fu tradotta e pubblicata con questo titolo:

» Introduction à l'étude du droit romain, traduit de l'Alle» mand de F. Mackeldey, par L. Étienne, à Paris, 1825. » Preceduta poi da un compendio enciclopedico, e seguita di un DUOVO riducimento della legge delle XII Tavole e dell' Editto perpetuo, compariva per cura di L. A. Warnkoenig a Mans, 1826. Questa traduzione francese era susseguita da un'altra spagnola :

» Introduccion el estudio del derecho Romano, extractado de » los elementos de Mackeldey par D. L. Collantes Bustamentes, » Madrid 1829. » Con una appendice relativa all'influenza del diritto romano sulla Giurisprudenza Spagnola.

775127

« PreviousContinue »